Kazakistan in 2018

Numero dei progetti 2018
J
72
Project
applications
K
58
Funded
projects
Tipo di progetti 2018
Responsabile di Sezione

Il Kazakistan, ex Repubblica sovietica, è indipendente dal 1991. Questo vasto Paese dell’Asia centrale ha una superficie di 2,7 milioni di chilometri quadrati ed è ricco di risorse minerarie. Circa il 70% dei 18 milioni di abitanti è musulmano, mentre i cattolici presenti sono appena 300.000. ACN conosce le preoccupazioni della Chiesa e finanzia progetti di edilizia religiosa, di motorizzazione, di formazione e di sostentamento di sacerdoti e suore, per rafforzarne la presenza nel Paese.

Nonostante i musulmani rappresentino la larga maggioranza, i cristiani presenti nel Paese, a differenza di quanto accade in molto altri Stati asiatici, sono quasi completamente risparmiati da discriminazione e persecuzione. Anche i rapporti tra russi ortodossi e cattolici sono sereni. Per questo, il Kazakistan è un modello esemplare di dialogo e coesistenza amichevole di entrambe le confessioni cristiane. Sono da registrarsi anche iniziative comuni e colloqui su molte questioni con le quali entrambe le Chiese devono confrontarsi oggigiorno.

Nun of the Order “Sisters of the Immaculate Conception of the Virgin Mary”, busy overseeing homework.
Una suora dell’Ordine “Sorelle dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria” durante il doposcuola.

» This country is a good example of the friendly coexistence of Catholic and Orthodox Christians. «

Dei 300.000 cattolici presenti nel Paese, la maggior parte sono discendenti di deportati e hanno origini polacche, tedesche, baltiche o ucraine. Per poter sopravvivere a livello economico, la comunità cattolica ha bisogno di aiuto dall’estero.

Sisters’ quarters in Kapchagay in south-east Kazakhstan.
Alloggi delle Sorelle a Kapshagay nel Kazakistan sud orientale.

ACN aiuta a finanziare i veicoli per la pastorale, sostiene progetti edili ecclesiastici e assiste i sacerdoti e i religiosi stranieri per le pratiche relative ai permessi di soggiorno. Inoltre, offre aiuti al sostentamento delle religiose e aiuti alla formazione dei futuri sacerdoti.