Menu
Menu

Cile nel 2019

Numero di progetti nel 2019
J
46
Project
applications
K
21
Funded
projects
Tipo di progetti nel 2019
Head of Section

La Chiesa cattolica in Cile deve fare i conti con il grave clima di sfiducia legato agli scandali degli abusi negli anni passati. Benché, secondo i dati ufficiali, due terzi dei 17,9 milioni di cileni siano ancora cattolici, secondo i sondaggi la percentuale di cattolici si attesta solo al 45%. Nonostante questo clima di sfiducia, molti fedeli continuano ad impegnarsi alacremente nella vita ecclesiale. In Cile ACN sostiene la costruzione di cappelle, la formazione e l’aggiornamento dei sacerdoti sovvenzionandoli con offerte per le intenzioni di Messe. Inoltre vengono messi a disposizione sia il materiale per la catechesi che le edizioni di YOUCAT e DOCAT.

Nell’autunno del 2019 l’aumento del prezzo del trasporto pubblico è sfociato in proteste contro le disuguaglianze sociali nel Paese, presto degenerate in un’escalation di violenza. In questo contesto, la Chiesa cattolica è stata bersaglio del malcontento e dell’odio da parte di alcuni gruppi di dimostranti. Tra metà ottobre e la fine del 2019 circa 40 luoghi di culto sono stati oggetto di atti di vandalismo e attentati incendiari.

Tra metà ottobre e la fine del 2019 circa 40 luoghi di culto sono stati oggetto di atti di vandalismo e attentati incendiari.
Tra metà ottobre e la fine del 2019 circa 40 luoghi di culto sono stati oggetto di atti di vandalismo e attentati incendiari.

Anche ACN è stata colpita direttamente dal grave attentato dell’8 novembre perpetrato ai danni della Chiesa dell’Assunzione di Maria nella capitale Santiago. Il parroco della Chiesa, Pedro Narbona, è infatti anche assistente spirituale della sede nazionale cilena della nostra Fondazione.

Con molta preoccupazione assistiamo alla violenza perpetrata nei confronti della Chiesa.

María Covarrubias, Presidente di ACN Cile

La Chiesa è stata attaccata da persone incappucciate che hanno gettato in strada banchi e iconografie sacre per poi distruggerli e darli alle fiamme, hanno poi imbrattato le pareti di graffiti offensivi. La Chiesa cattolica in Cile ha lanciato un appello pubblico alla pace e alla riconciliazione nel Paese.