Menu
Menu

Tanzania in 2018

Number of projects in 2018
J
0
Project
applications
K
0
Funded
projects
Type of projects in 2018
Head of Section

Più della metà dei 57 milioni di abitanti di questo Paese dell’Africa orientale è cristiana e la maggior parte cattolica. Tuttavia la Tanzania è caratterizzata da una politica espansionistica aggressiva da parte dell’islam fondamentalista incentivata dai Paesi petroliferi. Le zone costiere e il nord sono già in prevalenza musulmani e sull’isola di Zanzibar, quasi completamente musulmana, non di rado vengono perpetrati attacchi contro i cristiani. ACN sostiene la Chiesa nei progetti di costruzioni religiose, nella formazione sacerdotale e nel sostentamento per rafforzare la sua presenza nel Paese.

La crescita dell’islamismo è la sfida più difficile che la Chiesa cattolica deve affrontare. I credenti di tutte le religioni sono impressionati dalle numerose nuove moschee e, in mancanza di luoghi di culto per i cristiani, questi ultimi vengono disprezzati e si sentono inferiori. Per questo motivo, è molto importante per ACN sostenere la costruzione di chiese e cappelle, poiché un luogo di culto proprio, infonde ai fedeli senso dell’identità e consapevolezza di sé.

» Vogliamo sottrarci al vortice dell’islam! «

Un ulteriore problema per la Chiesa è la superstizione molto diffusa per la quale è tuttora necessaria una vasta opera di sensibilizzazione. Molti credono nella stregoneria, la disabilità viene ritenuta una maledizione o una punizione per aver compiuto un’azione malvagia, gli albini sono perseguitati o uccisi per ricavare “pozioni magiche” dai loro organi. In alcune zone il tasso di analfabetismo è pari al 75 per cento e in molti luoghi mancano le conoscenze mediche di base per prevenire o curare le malattie. Problemi che per la Chiesa sarebbero pressoché insormontabili senza l’impegno e l’aiuto delle suore che assistono concretamente la popolazione. Un motivo per il quale ACN non sostiene solo i sacerdoti, ma anche molte suore con aiuti al sostentamento.