Menu
Menu

Nigeria nel 2019

Numero di progetti nel 2019
J
154
Project
applications
K
121
Funded
projects
Tipo di progetti nel 2019
Head of Section

Con oltre 190 milioni di abitanti, la Nigeria è il Paese più popoloso dell’Africa. Cristiani e musulmani rappresentano entrambi quasi la metà della popolazione. Nel nord, in prevalenza musulmano, il famigerato gruppo terroristico islamico Boko Haram continua a compiere attacchi terroristici e soprusi ai danni della minoranza cristiana. Nel 2019 numerosi sacerdoti sono stati rapiti dai terroristi. Tuttavia, la violenza subita non fa altro che avvicinare ancora più fortemente tra loro i fedeli. ACN è consapevole dell’aiuto urgente di cui ha bisogno la Chiesa in Nigeria in questi tempi difficili e, pertanto, si fa presente sul posto con numerosi progetti d’aiuto.

Non solo nel nord, ma anche nella regione centrale del Paese si susseguono attacchi sanguinosi da parte di pastori islamisti di etnia fulani, armati e capaci a volte di compiere azioni ancora più brutali di quelle di Boko Haram. L’aumento dei rapimenti rappresenta altresì un problema. Nel 2019, solo nello stato federale di Enugu, sono stati rapiti nove sacerdoti. I rappresentanti della Chiesa locale temono che dietro agli atti di violenza si nasconda l’intenzione di scatenare un conflitto nazionale tra le comunità religiose.

La violenza subita ha ulteriormente rafforzato la fede dei cristiani.

L’arcivescovo Matthew Man-Oso Ndagoso di Kaduna

D’altra parte, il fatto che musulmani e cristiani rispondano alla violenza sforzandosi di intensificare un fertile dialogo interreligioso, è rassicurante. I vescovi nigeriani hanno riferito ad ACN che la violenza subita ha ulteriormente unito nella fede i credenti e che il numero dei cattolici è in crescita. Come conseguenza, nel 2019 sono state costruite altre parrocchie e celebrate ulteriori messe. Allo stesso tempo cresce il numero delle vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa.

La Chiesa cattolica di Santa Rita e il Centro catechistico di Kaduna dopo l’attacco suicida di Boko Haram.
La Chiesa cattolica di Santa Rita e il Centro catechistico di Kaduna dopo l’attacco suicida di Boko Haram.

Tuttavia la Chiesa locale ha bisogno di aiuto dall’estero per poter svolgere la propria attività pastorale, per ricostruire le infrastrutture distrutte e per dare il proprio appoggio a coloro che hanno subito un lutto o un trauma. ACN offre il proprio aiuto nella formazione dei sacerdoti e nei lavori edili, inoltre sostiene i sacerdoti bisognosi con offerte per le intenzioni di Messe. Sono stati finanziati anche ritiri spirituali per sacerdoti, al fine di rafforzarli nella loro vocazione per affrontare le difficili sfide a cui sono chiamati e per dare loro l’opportunità di ricaricarsi dal punto di vista psicologico e spirituale.

Moses Daniel.
Moses Daniel.

Un corso estivo per docenti

Moses Daniel insegna da dieci anni al seminario della diocesi di Yola, nella Nigeria orientale. Grazie all’aiuto di ACN ha potuto partecipare al corso internazionale per formatori di seminario di quattro settimane che si è tenuto a Roma. Ecco cosa scrive: “Partecipando al corso mi sono reso conto che devo fare di più di quello che ho fatto finora. Questo programma mi ha aperto gli occhi”.