Menu
Menu

Burkina Faso nel 2019

Numero di progetti nel 2019
J
83
Project
applications
K
52
Funded
projects
Tipo di progetti nel 2019
Head of Section

Circa un quarto della popolazione del Burkina Faso è cristiano, mentre un po’ più del 60% dei 20 milioni di abitanti è musulmano. Questo Paese dell’Africa occidentale è stato considerato per lungo tempo un modello di convivenza pacifica delle religioni. Mentre negli anni passati si sono verificati solo attacchi isolati, nel 2019 si è assistito ad un’esplosione di violenza con gravi attacchi jihadisti contro le comunità cristiane. Centinaia di migliaia di persone sono in fuga, le scuole sono state chiuse e la vita ecclesiastica è fortemente limitata. Già tre sacerdoti sono stati uccisi. ACN appoggia la Chiesa locale in questa situazione di crisi.

La minaccia e la violenza dei jihadisti colpiscono in particolare il nord, l’est e la zona del Sahel. Il vescovo Laurent Birfuoré Dabiré di Dori teme addirittura lo sterminio dei cristiani in Burkina Faso. I rappresentanti della Chiesa locale lamentano il fatto che i terroristi vengono riforniti di armi straniere e riferiscono ad ACN che alcuni giovani musulmani si sono uniti ai miliziani soprattutto per mancanza di prospettive di vita, mentre altri combattono i cristiani spinti da fanatismo religioso.

I cristiani in Burkina Faso rischiano di essere sterminati.

Il vescovo Laurent Birfuoré Dabiré di Dori

In alcuni casi la pastorale è stata completamente sospesa a causa degli attentati. I sacerdoti e le religiose non possono più muoversi liberamente per assistere i fedeli nei villaggi, e alcune parrocchie sono state chiuse per motivi di sicurezza.

I rifugiati possono contare sull'aiuto delle suore.
I rifugiati possono contare sull’aiuto delle suore.

ACN vuole incoraggiare soprattutto i sacerdoti e i religiosi e li sostiene con offerte per le intenzioni di Messe e aiuti per il sostentamento. Inoltre, nel 2019, abbiamo continuato a sostenere i nuovi sacerdoti e le famiglie dei seminaristi, particolarmente colpiti dall’attuale situazione di insicurezza del Paese.