Il Patriarca Sako su Lamborghini donata dal Papa

Francesco ci ha commosso. Anche se non può venire lo sentiamo tra noi

«Il gesto del Santo Padre ha profondamente commosso i cristiani iracheni». Così il patriarca caldeo di Babilonia Raphael Louis I Sako commenta ad Aiuto alla Chiesa che Soffre la decisione di Papa Francesco di donare al piano ACS per il ritorno dei cristiani a Ninive parte del ricavato dalla vendita del numero unico della Lamborghini Huracan, donata al Pontefice dalla casa automobilistica lo scorso 15 novembre.

«Ormai mi sono abituato alle sorprese di Francesco», ironizza il patriarca notando poi come quello di Bergoglio sia «un gesto che incarna pienamente la carità cristiana, non con parole ma con fatti concreti». La notizia è stata largamente riportata dai media iracheni e seguita con attenzione dalla comunità cristiana. «Non è la prima volta che, con i suoi doni, il Papa ci mostra la sua vicinanza. Non è ancora potuto venire tra noi, ma a volte la presenza umana e spirituale è più importante di quella fisica».

La notizia di questo ulteriore supporto da parte del vescovo di Roma giunge in un momento delicato per la Piana di Ninive, dopo le tensioni legate al referendum per l’indipendenza del Kurdistan iracheno. «Ora la situazione è tranquilla e vi è volontà di dialogo, ma all’Iraq serve di più. Sono necessari una separazione tra Stato e religione, e un nuovo concetto di cittadinanza che garantisca pari dignità a ciascun iracheno a prescindere dall’appartenenza religiosa».

Nel frattempo il Piano ACS per la ricostruzione dei villaggi cristiani della Piana di Ninive – che Papa Francesco ha voluto sostenere – va avanti e le famiglie continuano a tornare alle proprie case. «Vogliamo testimoniare la fede cristiana in queste terre. La nostra presenza è essenziale per i fedeli di ogni religione, perché noi costituiamo un elemento di apertura capace di contrastare la violenza. Mentre per i cristiani di tutto il mondo, tutto quello che abbiamo sofferto a causa della nostra fede rappresenta un esempio da seguire e condividere attraverso la preghiera».

My gift to support the ACN mission with the persecuted Christians and those in need.

Ultime notizie

PER SAPERNE DI PIÙ Aid to the Church in Need, VISITA http://www.churchinneed.org
logoacnwhy2

PARLIAMO DI NOI

Fondata nel 1947 come organizzazione Cristiana per aiutare I rifugiati di guerra e riconosciuta come organizzazione papale sin dal 2011, ACN si dedica al servizio dei Cristiani in tutto il mondo, attraverso la diffusione di informazioni, preghiere ed azioni, ovunque essi siano perseguitati od oppressi o abbiano bisogni materiali. ACN aiuta ogni anno con una media di 6000 progetti in circa 150 paesi, grazie a delle donazioni private, dato che la Fondazione non riceve alcun finanziamento pubblico.